martedì 7 marzo 2017

Giovanna Marini alla Casa delle Donne del Mediterraneo a Bari


Venerdì 10 marzo, alle ore 18, torniamo a vederci alla nostra Casa delle donne, rinnovata, con un’ospite d’eccezione. Si tratta di Giovanna Marini, compositrice, etnomusicologa, animatrice culturale, cantastorie, straordinaria figura di artista e di donna che ha avuto un ruolo ineguagliabile nell’orizzonte musicale e culturale italiano, tessendo con le sue innumerevoli creazioni - ballate, oratori, opere, musiche di scena e per film - un inscindibile intreccio tra musica accademica e popolare. La musicista sarà con noi per una conversazione intensa e informale nella quale racconterà la sua lunga,  formidabile vicenda di artista, di studiosa, di didatta, di cittadina, di persona di questo nostro tempo in questo nostro Paese.

Un appuntamento speciale che dà il via alla Convenzione che vede Stati generali delle donne e Conservatorio Piccinni collaborare insieme. Giovanna Marini, infatti, sarà qui a Bari ospite del Conservatorio Piccinni nell’ambito del progetto "L'ombra illuminata. Donne nella musica” che, giunto alla terza edizione, si propone di ‘riportare alla luce' dello studio e dell'ascolto l'immenso patrimonio di pensiero e di creatività musicale cui nella storia della cultura occidentale hanno dato corpo le numerosissime compositrici che, a dispetto di avversità di ogni tipo, hanno tenacemente agito secondo il proprio sentire. Un patrimonio di valore assoluto finora sostanzialmente assente dai libri di storia ed escluso dal canone, dai programmi di studio accademici, dalla programmazione concertistica. Un patrimonio rimasto appunto nell'ombra, che solo negli ultimi decenni - in Italia ancora con grande ritardo - comincia a riemergere dall'oblio insieme con le storie di vita delle musiciste, che hanno davvero molto da insegnarci.

Il Festival concertistico si apre giovedì 9 marzo alle 20,30 nella Chiesa di Santa Teresa dei Maschi con un omaggio musicale a Giovanna Marini: docenti e studenti del Conservatorio Piccinni eseguiranno per lei musiche dei suoi genitori Iditta Parpagliolo e Giovanni Salviucci, entrambi compositori.
La rassegna prosegue con tre concerti nei giorni 21 e 22 marzo (Auditorium Vallisa) e 23 marzo (Aula Magna del Palazzo Ateneo), nei quali docenti e studenti del Conservatorio Piccinni proporranno brani vocali e cameristici di importanti compositrici: Francesca Caccini, Ella Adaïewsky, Thea Musgrave, Liza Lehmann, Marie Jaëll, Imogen Holst e Amy Beach, cui è dedicato un incontro nel centocinquantenario della nascita.

Ingresso libero per tutte le manifestazioni. Vi aspettiamo venerdì 10 marzo alle ore 18 alla Casa delle donne del Mediterraneo a Bari.

1 commento:

  1. Bravissimo!!!
    Grazie per le post!!!
    baccio molto grande! :)

    RispondiElimina